La storia-Gruppo Corale "LA REIS"

Storia

 Signore e Signori, non sembrava vero potessimo arrivare a tal punto, invece... eccoci qua!!! Vi chiederete: ma cos'é "LA REIS"? E' semplicemente un gruppo di uomini più o meno giovani, uniti dal piacere del canto che fanno del loro hobby motivo d'incontro e di amicizia. Probabilmente alcuni di voi, soprattutto gli appassionati, sapranno quali e quanti sforzi occorrono per portare avanti un discorso di gruppo. Ma l'amore per il canto corale fa sì che ogni piccola delusione e scoramento, in alcuni periodi difficili, vengano superati con slancio e fiducia.

Inoltriamoci, passo dopo passo, alla scoperta del nostro piccolo coro a voci virili.


Ci teniamo particolarmente, come degna introduzione, presentare il contesto geografico e sociale in cui vive "LA REIS". Tra le montagne del West-Italy nel sud del Piemonte, in piena Ousitanho, nella bellissima, aspra ed ancora incontaminata Valle Maira fa capolino San Damiano Macra! La nostra Valle Maira ha montagne stupende, incastonate da innumerevoli laghetti alpini, disseminate di boschi di pini e larici e, più in alto, di verdi pascoli e scoscesi pendii tra costoni rocciosi e brulle pietraie. Tutto fra i silenzi irreali che solo la montagna sa regalare. Per contro, ha subito negli anni passati un forte spopolamento, il tessuto sociale si é indebolito drasticamente, portando l'abbandono di piccole e grandi borgate sparse nei profondi valloni laterali che la circondano. "Grangie", abitazioni che nascondono tra le pietre bianche dei muri, sotto le "lauses" (lastre di ardesia, che un tempo ne ricoprivano il tetto, sbriciolate in terra dopo il crollo dovuto all'abbandono), istorie di miserie, accompagnate più da sofferenze che da gioie, latente povertà contadina, duro lavoro per strappare alla terra di che sfamarsi, ora monumenti di un passato e di una civiltà estinta.
Il lettore attento capirà immediatamente quali grandi perdite hanno dovuto subire questi luoghi ma fortunatamente negli ultimi anni c'è stato un ritorno alla montagna e tanti paesi e borgate sono rinati.
Il panorama che più da vicino tocca l'ambito corale, si presenta quasi privo di volenterosi del canto. Occorre ampliare a dismisura il raggio di ricerca di appassionati e rende in alcuni momenti difficile il ritrovarsi in numero sufficiente per le consuete prove. Tutto ciò facilitato dall'assoluta mancanza di tradizione riguardo al canto corale nei nostri luoghi e la disabitudine al canto nella vita di tutti i giorni, soprattutto tra i giovani...

San Damiano Macra (conta oggi circa 500 abitanti residenti tutto l'anno) con la sua bellissima chiesa parrocchiale all'entrata del paese, é circondato da frazioni e innumerevoli borgate. Frazioni, un tempo non lontano, aventi ognuna la propria sede comunale, come Lottulo, Paglieres, Pagliero. Proprio in quest'ultima frazione, presso la trattoria Belvedere di Giacu e Iolanda nasceva il 21 aprile 1989, il gruppo corale "LA REIS". Per arricchire di poesia l'avvenimento, ci si metteva pure il tempo, che con una copiosa nevicata costringeva i fondatori a salire a piedi alla frazione, in borgata Chiesa, e ad abbandonare l'automobile prima della salita che portava al luogo di appuntamento. Lì aspettavano tre amici, già esperti coristi, che gettarono le basi del sodalizio. I tre "profeti" sono: Francesco CASTAGNO, dall'enorme carisma, maestro di coro, che chiameremo come solitamente usiamo fare "Cheche", il quale con gran pazienza da una parte e con il bastone dall'altra, ci prese per mano e, con Carlo LERDA e Antonio COLTELLA, ai quali si aggiunse nelle serate successive anche "Nino" Sebastiano MONTERSINO, c'insegnò i primi rudimenti del canto corale. I sei "fundador": sono Diego NESSI, Dario ROSANO, Piergiorgio EINAUDI, Andrea EINAUDI, Guido RIVERO e Silvio EINAUDI. Silvio, bravo organista, che poteva diventare il nostro primo maestro, non se la sentì, cosicché, decidemmo di rivolgerci a un giovane di S. Damiano che stava svolgendo il servizio militare presso la fanfara della Brigata Alpina Taurinense. Bernardino OLIVERO accettò volentieri l'incarico ed incominciò a "imbastire" i primi canti con quei volonterosi e poco disciplinati apprendisti. Insomma, la voce si sparse, arrivarono i primi amici, e poi altri e altri ancora... e così "LA REIS" mosse i primi passi. Prima sede ufficiale fu il "Croto dì Alpin" (sempre a Pagliero) per gentile concessione del gruppo A.N.A. di S. Damiano Macra con il quale siamo legati da una stretta e proficua collaborazione. Non potete immaginare con che spirito si saliva a Pagliero per le prove il venerdì sera. Poteva cadere il mondo ma nessuno dei coristi poteva mancare: vero e antico spirito romantico! Che feste e che notti ragazzi!!! Il tempo sembrava fermarsi! Che infanzia felice quella del nostro coro!!!

Ma veniamo al nome scritto in lingua provenzale-occitana: "LA REIS" ovvero "la radice". In provenzale-occitano innanzi tutto perché siamo tra i confini di quell'antica terra che dai Pirenei, attraverso tutta la Francia meridionale, giunge fino alle basse valli alpine cuneesi e torinesi, e poi perché da queste parti, soprattutto nelle borgate, si parla ancora questa meravigliosa lingua. Negli ultimi anni c'é stato un risveglio, una ricerca delle tradizioni, degli antichi valori del mondo provenzale-occitano. Il ritrovato interesse ha portato alla riscoperta di quell'eredità culturale, artistica ed umana, lasciata da chi ci ha preceduto, che giaceva sepolta nei ricordi degli anziani, alla riscoperta di una cultura che é stata ed é la "nostra" cultura. "La Reis" é nata in questo contesto e nel suo essere coro tenta di mantenere vivo, attraverso le sue cante, ciò che ricorda il passato. E se qualche volta siamo riusciti a trasmettere questo messaggio al pubblico, ne siamo orgogliosi e felicissimi poiché pensiamo sia il miglior risultato cui un coro possa ambire! Dopo pochi anni la sede viene trasferita nel concentrico di San Damiano Macra, nei locali concessi dal Comune, il quale bisogna sottolinearlo ci ha sempre aiutato sia nella copertura delle spese vive della sede stessa, sia d'appoggio alle iniziative che via via abbiamo proposto e realizzato. Il 1994 segna per il coro un momento triste e difficile. Il 10/04/1994 uno dei fondatori del coro, Piergiorgio EINAUDI, subisce un grave incidente automobilistico, che a 22 anni lo costringe a vivere in carrozzina, tetraplegico. Il coro si stringe intorno all'amico. Inizialmente va a fargli visita al centro di riabilitazione di Coubert nei pressi di Parigi, poi, con gioia, lo riabbraccia e lo riaccoglie tra i ranghi, dando il suo grande contributo per il sostegno morale dello sfortunato ma "indistruttibile" Pier.


Bernardino Olivero dirige il coro fino al 1994. Dal 1995 il già corista e autodidatta Andrea EINAUDI, subentra alla direzione del coro e apporta immediatamente il suo stile, la sua impronta, grazie al grande entusiasmo e carisma cui é dotato, mantenendo comunque inalterate le caratteristiche iniziali di indirizzo musicale cui si era ispirato il coro. Infatti il repertorio, fin dagli albori, prende spunto essenzialmente dai canti tradizionali di montagna e degli alpini, ricalcando il repertorio del coro S.A.T. di Trento. Si attinge inoltre ai canti popolari piemontesi rielaborati da Angelo AGAZZANI, ai canti d'autore, vedi Bepi DE MARZI e Masino ANGHILANTE. Quest'ultimo, grazie alle sue poesie, ci ha permesso di presentare alcuni canti in lingua provenzale con armonizzazioni proprie del coro o regalateci con gran cuore ed amicizia da Carlo SEMERIA. Canti profondamente nostri che ci caratterizzano ed improntano il nostro essenziale repertorio. Di recente vanno ad aggiungersi diversi canti presi a prestito dai cantori del coro trentino SOSAT. Un'amicizia particolare ci lega al coro "Cesare RINALDO" di Coggiola (BI) dal quale abbiamo imparato ad amare l'armonia del canto corale, inimitabile nell'impostazione e perfetto nell'amalgama di voci, diretto fino a ier l'altro,da Domenico BASSOTTO, maestro ricco di personalità, di umiltà, generoso e stimato da tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Un legame quasi di parentela ,invece, ci unisce al coro polifonico di Monterosso Grana (CN), "LA CEVITOU", con il quale abbiamo sempre passato serate bellissime in amicizia ed allegria, che serbiamo gelosamente nel nostro cuore. Insieme a Fabrizio SIMONDI, che adesso dirige il coro polifonico "L'ESCABOT" di Caraglio che con la sua indubbia capacità musicale e interpretativa nella direzione, prima con "La Cevitou" e adesso con "L'Escabòt" é arrivato lontano e gli auguriamo possa ripetersi e ottenere nuovi successi anche in futuro.
Dal 2001 "LA REIS" è gemellata con il Coro Polofonico "ZENTE SARDA" di Ovodda, paese "barbaricino" incastonato tra i monti del Gennargento in provincia di Nuoro dove abbiamo trovato dei "fraire" (fratelli) e ad ogni incontro (ah se non ci fosse il mare di mezzo) la festa si fa Festa con la maiuscola!!!

Nel 2011, alla presentazione de 'L tò Almanac 2012 (Primalpe) "La Reis" viene insignita del: "Premio speciale del Centro Occitano "Detto Dalmastro" per la divulgazione della lingua, della cultura e della letteratura tramandata attraverso i canti alpini in lingua occitana"

Nel 2018, il Comune di Roccabruna (CN) ha consegnato al nostro maestro EINAUDI Andrea
il "Premio speciale Alberto Isaia 1000 anni della Valle Maira"
(il premio viene assegnato ad autori di opere che contribuiscono a documentare e valorizzare la Valle Maira)


Concludiamo presentando i nostri "prodotti", risultato dell'impegno profuso in tutti questi anni. La prima incisione, su musicassetta (adesso anche in versione CD) è stata "Se Chanto", registrata in San Damiano Macra, nella Chiesa della Confraternita nel mese di Giugno 1997. Una tappa importantissima prima di tutto per il coro perché significa che LA REIS é viva, continua il suo cammino, ha voglia di fare e di riproporsi, poi per la Valle poiché é una testimonianza, un qualcosa che rimarrà, un frutto importante e prezioso di una radice sana, di una "reis" che ha linfa. Un grazie a chi crede ed ha creduto in noi, primo fra tutti Simone DEMARIA, che con IL MAIRA (quindicinale della valle), e con il contributo del Comune di San Damiano Macra e Comunità Montana Valle Maira, ha reso fattibile la realizzazione di questa nostra prima incisione.

Nel 2002 i tempi sono maturi per un'altra registrazione e così nasce il CD
"La charamaio mai", segno che LA REIS c'è e lascia il segno...

 
L'amicizia che lega "LA REIS" agli Alpini e l'assegnazione dell'80ª Adunata Nazionale del 2007 al nostro capoluogo, CUNEO, è l'occasione giusta per registrare il CD  "Alpin del Dôi" dedicandolo a tutti gli Alpini, in particolare a quelli del 2° Reggimento (il Dôi).

Nel 2015 "LA REIS" presenta il DVD dal titolo "A la meiro anèn" (andiamo alla grangia/baita) per "coronare" i primi 25anni del Gruppo Corale con una raccolta di brani cantati e filmati in diversi luoghi della meravigliosa Valle Maira.

Per il trentennale di fondazione de LA REIS, a fine 2019 esce il CD "En viage" - Trent'an a nosto modo - una raccolta di canti che, come in un viaggio vi porterà alla scoperta di nuove storie e nuove emozioni.
 
Non ricercate nelle nostre incisioni la perfezione musicale, le rifiniture dei grandi cori. Cercate e ascoltate semplicemente "LA REIS". Forse riuscirete ad ascoltare la vostra "reis".

Un saluto a tutti voi, grazie e arrivederci a presto!!!

                                                                                           Gruppo Corale "LA REIS"
 

 
info@lareis.com